CONCERTI D’ESTATE – Canto e Fortepiano: BAGNATICA

Venerdì 10 Agosto ore 21:00
Cortile di “Casa Seguini”- BAGNATICA
in caso di maltempo Sala Consiliare del Comune
Canto e Fortepiano
Giorgia Pesaresi e Alessia Mortaloni

< Di Voi, Signore e Signorine, molte sanno suonare bene il pianoforte o cantare con grazia squisita, molte altre hanno ambitissimi titoli… …non ostante le molte virtù di cui siete adorne, vi trovereste in un imbarazzo piuttosto serio, se…” non sapeste cucinare! Così recita l’introduzione del famoso testo di cucina Il talismano della felicità di Ada Boni dei primi anni del novecento. Queste parole riflettono l’idea ottocentesca che la musica fosse solo un grazioso orpello per una fanciulla.
Una passeggiata che offre uno sguardo della vita delle donne che facevano musica, parte inevitabile dell’educazione delle fanciulle di buona famiglia; poche di esse riuscivano a diventare esecutrici professioniste, ancor meno riuscivano ad essere riconosciute come compositrici. Proprio da quest’ultime partiamo: dalle coraggiose che componevano in un mondo maschile che le tollerava come esecutrici.  Finalmente alcune fortunate riuscivano a diventare musiciste professioniste e nel mondo dell’opera ne troviamo in numero maggiore: infatti i ruoli femminili non venivano più interpretati dagli evirati ma dalle donne! Il colore ambiguo dei “Castrati” rimane tuttavia nei ruoli en travesti dell’opera romantica interpretati dai timbri più gravi delle voci femminili. Il mezzosoprano richiama la voce non ancora mutata dei ragazzi adolescenti, eccoci dunque interpretare giovani eroi con le loro passioni e i loro amori. Rispecchiando appieno il gusto degli estremi del romanticismo, il mezzosoprano ricopre il ruolo non solo del fanciullo alla scoperta dell’amore, ma anche della donna forte e ammaliatrice dal carattere volitivo e sicura di sé come Carmen. >

*Strumento: square piano originale di John Broadwood & Sons – London 1829 (collezione privata di Alessia Mortaloni)

PROGRAMMA

  • Maria Malibran (1808 – 1836) “Je suis la bayadère”
  • Isabella Colbran (1784 – 1845) “Parto, ti lascio, addio”
  • Louise Farrenc (1804 – 1875) Mèlodie in la bemolle maggiore
  • Giovanni Battista Pergolesi (1710 – 1736) “Gemo in un punto e fremo” da L’Olimpiade
  • Maria Agata Szymanowska (1789 – 1831) Polonaise in fa minore
  • Nicola Vaccaj (1790 – 1848) “Ah! Se tu dormi, svegliati” da Giulietta e Romeo
  • Clara Wieck – Schumann (1819 – 1896) Notturno in fa maggiore op.6
  • George Bizet (1838 – 1875) “Habanera” da Carmen
  • Fanny Mendelssohn – Hensel (1805 – 1847) Notturno in sol minore
  • Gaetano Donizetti (1797 – 1848) “Il segreto per esser felici” da Lucrezia Borgia

Curricula

Pesaresi Giorgia

Mortaloni Alessia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *